Crea sito

Quali saranno i futuri scenari della globalizzazione post pandemia

thesupplychain by Retailtrend.it (29 maggio 2020) – Assisteremo ad una netta contrazione della globalizzazione? Si formeranno blocchi economici in concorrenza e catene di approvvigionamento più brevi basate su una produzione nazionalista e sull’espansione delle principali industrie nazionali? Oppure la pandemia ci ha ricordato, laddove necessario, quanto sia importante la globalizzazione per il nostro “sistema immunitario” economico e sociale?

In questo contesto di domande, abbiamo voluto condividere e pubblicare integralmente la vision di John Person, CEO di DHL Espress e membro del Consiglio di Amministrazione di Deutsche Post AG (nominato il 1 gennaio 2019). In DHL ha ricoperto posizioni di rilievo in Medio Oriente, USA, Asia Pacific, Europa Orientale, Africa. In DHL Espress è stato direttore generale in Arabia Saudita, direttore globale vendite a Bruxelles, direttore di area in Oceania (Australia, Nuova Zelanda e Isole del Pacifico), direttore generale negli Emirati Arabi. Prima di ricoprire la carica attuale, ha ricoperto la carica di CEO di DHL Express Europe.

La connessione globale ci rafforza: ne abbiamo bisogno di più, non di meno

Oggi in molti speculano su una ritirata della globalizzazione, su una formazione di blocchi economici in concorrenza, su catene di approvvigionamento più brevi, su una produzione nazionalista e sull’espansione delle principali industrie nazionali. Nel mezzo di una pandemia, non sorprende di certo che i pessimisti e i critici della globalizzazione rivendichino il loro pensiero; chiunque sia stato scettico nei confronti della connessione globale prima ha trovato nuove ragioni ora. Tuttavia, è comprensibile che molte persone oggi siano preoccupate per il futuro dell’economia globale.

Siamo vivendo una profonda crisi. La forte recessione dell’economia mondiale dovuta alla pandemia di COVID 19 sembra peggiore della crisi finanziaria globale del 2008. Secondo l’OMC, quest’anno i flussi commerciali globali potrebbero scendere fino a un terzo. E le previsioni per i flussi di capitali sono simili, con gli investimenti diretti stranieri previsti in calo fino al 30-40% nel 2020/21. Anche i viaggi all’estero sono in forte calo. Il numero di passeggeri sui voli internazionali dovrebbe diminuire di 1,5 miliardi quest’anno. Questi e vari altri effetti della crisi stanno mettendo a dura prova molte persone, aziende e settori dell’economia.

Una spinta per il nostro sistema immunitario

Nonostante le prospettive cupe per il 2020, non credo che vedremo un calo permanente e massiccio della connessione globale dopo la crisi. Penso che la globalizzazione prenderà di nuovo piede. Anche gli scenari più pessimistici non prevedono un collasso dei flussi commerciali e dei capitali. Al contrario, i ribassi previsti prevedono un ritorno a livelli che, negli anni 2000, erano ampiamente considerati un segno di iper-globalizzazione. Allo stesso tempo, la pandemia in molti luoghi ha reso particolarmente chiaro quanto sia importante la globalizzazione per il nostro “sistema immunitario” economico e sociale.

Durante questa crisi, molte aziende che operano a livello globale si sono trovate in una posizione molto migliore rispetto alle aziende con un focus puramente nazionale o regionale. Ciò ha senso: le società che operano in un solo paese sono interamente in balia della situazione locale. Le aziende che operano in molti paesi, d’altra parte, sono più forti e più flessibili. All’inizio della crisi, ad esempio, le società globali con attività commerciali in Cina hanno sofferto delle prime chiusure. Ma questo svantaggio iniziale si è trasformato in un vantaggio, con la ripresa in Cina che ora fornisce una spinta alle aziende che conducono affari lì. Ogni settore è diverso, ovviamente, ma le aziende internazionali tendono a dimostrare maggiore resilienza in questo momento.

L’apertura mentale protegge dalla vulnerabilità

Per ragioni analoghe, credo anche che molte delle richieste di maggiore produzione interna e di rinazionalizzazione dei settori economici siano sbagliate. Le catene di approvvigionamento nazionali non sono necessariamente più resistenti. Semmai, le catene di approvvigionamento dovranno essere più diversificate in futuro, il che significa più globalizzazione, non meno.

Ha certamente senso prendere precauzioni e costruire riserve strategiche di beni critici per le emergenze. Ma non dimentichiamo che la divisione globale del lavoro rimane vitale per la prosperità. Non avrebbe senso – e si dimostrerebbe insostituibile a lungo termine – se ogni paese producesse tutti i propri prodotti medici, per esempio

Non ho dubbi sul fatto che società aperte e diverse alla fine si dimostreranno più forti di fronte alla crisi. In questo momento, abbiamo bisogno di ricerche connesse a livello globale e delle conoscenze mediche di tutto il mondo per aiutare a controllare questo virus. E abbiamo bisogno di una maggiore cooperazione internazionale, come condividere gratuitamente la capacità di terapia intensiva o l’invio di squadre di medici in altri paesi. In effetti, gli ostacoli introdotti prima della crisi, come i dazi doganali sui prodotti medici, ora minacciano di strozzare l’offerta. Di fatto, l’attuale groviglio di restrizioni all’esportazione e le tariffe di importazione si applicano a molti dei prodotti per la cura e l’igiene così critici in questo momento.

Il mio appello per una maggiore apertura si applica tanto più alle regioni più povere, alcune delle quali hanno appena iniziato a sentire gli effetti della crisi COVID. Anche in questo caso, l’accesso ai mercati mondiali può significare una maggiore resilienza. Per le piccole imprese e i microimprenditori le cui vendite locali si arrestano, ad esempio, il commercio elettronico (compreso la possibilità di spedire all’estero) offre un raggio di speranza. Ciò richiede un ambiente favorevole, naturalmente, compresi processi doganali moderni e una minore burocrazia ai confini. DHL collabora con partner internazionali per fornire supporto in questo settore ormai da molti anni.

Un po’ di normalità nella crisi

Oggi stiamo sperimentando in prima persona quanto il nostro benessere dipenda dal commercio, dalla logistica e dalla connessione digitale globale. Proviamo ad immaginare le conseguenze di questa pandemia se fosse successa qualche decennio fa – senza sistemi di e-commerce avanzati, senza una potente infrastruttura IT globale e senza tecnologie, piattaforme e smartphone per connetterci. Tutti questi risultati ci consentono di mantenere molta più continuità di quanto sarebbe stato possibile in passato.

Oggi, molti dipendenti hanno anche la possibilità di lavorare in remoto con colleghi e clienti dai loro uffici a casa. I manager possono prendere decisioni commerciali senza dover essere fisicamente in un posto. Famiglia, parenti e amici possono rimanere in stretto contatto senza vedersi personalmente. Anche se isolati, abbiamo accesso a una quantità infinita di conoscenze, informazioni e intrattenimento digitali. L’e-commerce, in combinazione con una logistica all’avanguardia, oggi è diventata un’importante linfa vitale.

Credo fermamente che la connessione globale abbia reso il nostro mondo più stabile e meno vulnerabile nell’attuale crisi. Dovremmo esserne grati. E nell’interesse del “sistema immunitario” sociale ed economico mondiale, dobbiamo assicurarci che la globalizzazione non subisca danni irreparabili. Meglio lo facciamo, più rimarremo resistenti e più facile sarà per noi riprendere velocità dopo la crisi.

FONTE: DHL